Fabelab. Trasformiamo la noia in magia!

Oggi per lo spazio PetitFactory il nostro Lab del mini mondo super WOW di casa – voglio raccontarvi una storia.

Parla di Michaela Weisskirchner-Barfod – o più semplicemente Michaela W-B – architetto austriaco che vive a Copenaghen.
Sarà che è una professionista dal gusto unico, sarà che ama lasciarsi ispirare dalle storie delle persone, sarà che è mamma di due splendide bambine – o forse, più semplicemente, sarà il mescolarsi di tutto un po’ – ha saputo creare un marchio che non ha eguali!

Michaela con una delle sue muse - Credit Photo Fabelab

Michaela con una delle sue muse – Credit Photo Fabelab

Ecco prender vita quindi Fabelab, il laboratorio delle favole. Come non farlo entrare nella nostra Factory con un nome così?!
Già perché qui si preparano sofisticati oggetti di vita quotidiana attorno ai quali sviluppare la propria storia, narrare la propria favola.

 

Gli oggetti noiosi si trasformano in strumenti per sognare…

Personalmente sono rimasta a bocca aperta davanti alle piccole coperte che si trasformano in strumenti per giochi fantastici: ali di farfalla, mantelli per piccoli superhero…

Credit Photo Fabelab

Credit Photo Fabelab

Credit Photo Fabelab

Credit Photo Fabelab

Per non parlare delle lenzuola – rigorosamente in organic cotton – che nascondono fantasmini super paurosi…

Credit Photo Fabelab

Credit Photo Fabelab

Credit Photo Fabelab

Credit Photo Fabelab

Quale modo migliore per trasformare la cameretta nel mondo incantato che sognano i nostri bimbi? Oggetti apparentemente di uso normale – di quelli noiosi, che di solito interessano ai grandi! – prendono vita e danno il via alla fantasia!

E poi ci sono i piccoli complementi di sogni, sempre in morbido cotone: mascherine per eroi in erba o coroncine per aspiranti principesse…
Cosa chiedere di più?

Credit Photo Fabelab

Credit Photo Fabelab

 

E per Natale?

C’è anche un calendario per l’Avvento come non ne avete mai visti!
Sacchettini che diventano piccoli animali del bosco incantato e nei quali nascondere piccoli tesori, per avvicinarsi sognando alla notte più magica dell’anno.

Credit Photo Fabelab

Credit Photo Fabelab

Credit Photo Fabelab

Credit Photo Fabelab

Perciò… Caro Babbo Natale per quest’anno ti chiedo un Fabelab per i miei bimbi sotto l’albero, anzi… facciamo due!
Perchè mi chiedo: come abbiamo potuto vivere fino ad oggi senza?!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *