Sticky Fudge. Quando la moda nasce da una fiaba

Oggi vi racconto di un incontro leggero. Un po’ fortunato, un po’ magico.
Di quegli incontri fatti di immediata intesa, di occhi che si capiscono, di idee che si incrociano e si innamorano. All’istante.
Perché il colpo di fulmine esiste cari miei, e non arriva solo per il compagno della vita ma anche per amici, progetti e sogni condivisi!

Ecco, ricorderete che Taglia Petitgrazie al potere extrasensoriale di un gruppo di supporto denominato “dita incrociate e panini al lampredotto” – era approdata al Pitti Bimbo con tanta voglia di scovare la mini moda che ci piace e che vuole vestire di magia le giornate dei nostri bimbi, quella che vuole tenerli per mano sul loro sentiero fatto di tappe e conquiste straordinarie. Cercavamo qualcuno che prendesse questo percorso di giochi e ginocchia sbucciate decisamente sul serio!
Volevamo fortemente una moda capace di tuffarsi nel mondo dei piccoli e di ispirarsi a quel capriccioso, magico microcosmo che noi tutti sogniamo e dove niente è impossibile! Volevamo uno sguardo in grado di scovare quell’immaginazione che ogni uomo porta dentro di sé, ma che troppo spesso viene sepolta sotto cumuli di razionalità. Volevamo uno scossone che prendesse il sopravvento sul grigiore, attraverso la costruzione minuziosa di un posto profumato e colorato, fatto di giostre, fate e – perché no?! – amici immaginari!

Volevamo una moda petit a vera misura di bambino.
Più ci pensavo, più mi dicevo che desideravo disperatamente una collezione disegnata da Peter Pan!

Sembrava impossibile, ma se vuoi fare il cacciatore di fiabe la prima regola è crederci, e così ho fatto! Camminando dunque nel cuore fiorentino del Pitti mi sono imbattuta in un angolo di Sudafrica sorprendente. Mi ha stregata, lasciata a bocca aperta. Ecco l’Isola Che Non C’è, mi sono detta. Un’isola chiamata Sticky Fudge!

Boys Drop Down

E così mi sono fermata a condividere sorrisi, a riempirmi le narici di caldi profumi lontani e gli occhi di bello.
Quei vestiti semplicemente deliziosi, pregni di uno spirito selvatico e urbano nello stesso tempo, perfetti per vivere avventure metropolitane uniche, mi hanno immediatamente dato un colpo al cuore. E i tessuti bio e di primissima qualità hanno fatto il resto. Ecco la nascita di un amore!

Da questo primo incontro è nato uno scambio fluido di idee. Vivaci e creative, come piace a noi! L’amore, quindi, è cresciuto grazie alla potenza dei sogni.
Perché, mi hanno detto, Sticky Fudge sta approdando in Italia per entrare nei piccoli guardaroba di tanti fortunati bambini e io, mi sono detta, non posso proprio non presentare la bellezza delle sue creazioni.

Ecco nascere quindi un progetto che profuma di sogni…

Abbiamo riflettuto a lungo, insieme. Perché volevamo che, oltre allo splendore e alla qualità dei capi, vi arrivasse anche un po’ dell’anima delle persone che stanno dietro e nutrono questo giovane brand con idee, creatività viva e magia a profusione! Volevamo offrirvi un piccolo regalo.

Ed è così che abbiamo creato un progetto – #NatoDaUnaFiaba – che dedichiamo con amore a tutti voi genitori dallo spirito fanciullino e ai bambini che si nutrono di fantasia. E’ con un leggero brivido di emozione quindi che vi annuncio quattro piccoli post molto speciali, che verranno confezionati da me con particolare amore perché avranno l’ambizione di accompagnare nello specialissimo mondo dei sogni i più piccini.

Le collezioni di Sticky Fudge attingono sempre dal mondo delle fiabe e dell’immaginazione dei bambini. Nascono davvero da mondi fantastici.
Noi vogliamo fare una piccola incursione in una storia speciale, un’avventura che ha saputo accompagnare il cammino di questo brand fino a diventare ispirazione per un’intera collezione!
La fiaba in questione è “Nel Paese dei Mostri Selvaggi”. Il protagonista di questa breve storia è un bimbo di nome Max che, messo in castigo nella sua cameretta dalla mamma, intraprende un viaggio straordinario e approda, per l’appunto, nel Paese dei Mostri Selvaggi… di cui diventa addirittura re!

maurice-sendak

Illustrazione tratta da “Nel Paese dei Mostri Selvaggi” (“Where the Wild Things Are”), storia e illustrazioni di Maurice Sendak. Edizione italiana Babalibri

Nella fiaba originale non ci viene narrato cosa accade nel tragitto che Max compie per raggiungere quella terra lontana, ci viene solo detto che naviga. Naviga tanto. “Per un anno, o forse più…”.

E allora ecco la nostra incursione fiabesca…

Racconteremo il viaggio di Max, e il suo percorso sarà molto speciale perché si muoverà idealmente su un tragitto che porterà dal Sudafrica all’Italia.  Quattro piccole tappe fantastiche in luoghi fiabeschi che trarranno però ispirazione dalla realtà!
Ad ogni avventura sarà abbinato un outfit scelto per voi – e per uno dei personaggi della fiaba – da Sticky Fudge e dalla sottoscritta.

Conoscerete quindi questo brand, la sua anima bella e farete una capatina nel suo mondo. E questo direttamente dal lettone, accoccolati col piccolo di casa che, in pigiama e con gli occhi pesanti, ascolterà l’avventura petit di Max e visiterà luoghi lontani.

Spero di ritrovarvi in tanti sulla nostra barchetta fantastica, grandi e piccini. Spero che abbiate voglia di scoprire terre affascinanti, colori e profumi. Spero che siate pronti a sognare!

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *