Un “cin” per Pietro. Buon viaggio piccolo uragano!

Il Battesimo di Pietruncoli è stato un piccolo sogno.

Il karma della vigilia invece aveva lasciato presagire al disastro.
Calatevi nei miei panni, per un attimo.

Le cose sono andate pressapoco così.

Venerdì 8 (che più di una volta nell’arco della giornata mi sono chiesta non fosse il 17!). Dal momento che mio marito aveva avuto una serie di grane lavorative nei giorni precedenti, dobbiamo ancora comprare i regali per i padrini. Oltre a quello ho una mezza dozzina di cose da fare, persone da chiamare, sinergie da coordinare.
L’agenda è fitta, il ritmo serrato. Ma è tutto sapientemente incastrato in un domino di impegni.
E ovviamente quando pensi di avere tutto sotto controllo, “sbam”, arriva il colpo di mano che fa cadere una pedina e tutte le altre seguono a ruota : la ragazza che mi stava preparando la torta ha un problema. La torta non c’è più!
Trovane un’altra in poche ore! A maggio! Da sola in casa con un bimbo di sette mesi che mira ad avere l’esclusiva sulla tua attenzione!
Inizia un giro di telefonate al fulmicotone.
Poi, arrivata la santa nonna-sitter, mi fiondo con Andrea a caccia dei regali, al volo e senza nemmeno pranzare. Veloce che poi devo andare a prendere Biscela alla materna e tornare per la poppata di Pietruncoli!
Ovviamente troviamo la congiura dei commessi.
Prima eccoci serviti da colui che probabilmente è in lizza per il premio “lavorare con lentezza 2015“, la copia sputata di Mr. Bean in “Love Actually”, per chi lo avesse visto.
Non trova le scatole, ci mette una vita per imballare gli articoli e per farci pagare.
Sicuri di non volere la nostra tessera?” chiede zelante per la cinquantesima volta lanciandosi – di nuovo! – in un inutile elenco di presunti vantaggi che la cosa dovrebbe procurarci.
Noooooo!!!! Molla ‘sti pacchi!“.
Portiamo via le cornici per i padrini con grande difficoltà e una bella dose di pazienza in meno a testa.
Poi andiamo a cercare il regalo per Biscela, che non vogliamo sia geloso per la festa del fratello, e troviamo un altro commesso, sicuramente concorrente diretto del primo, che ci trattiene in cassa una bella ventina di minuti, poi ci guarda candidamente in faccia e ci dice che ciò che stavamo acquistando in realtà è terminato. C’è l’esposto, ma a smontarlo ci vuole tempo!
La mia tabella di marcia ormai giace appallottolata sul fondo di un bidone. La giornata prende la piega angosciante di una lotta contro il tempo!
Ma la cosa peggiore di tutte è che Pietruncoli ha un gran raffreddore che provo a combattere a botte di lavaggi nasali ed aerosol!

Tutto quanto nell’universo insomma sembra dire a chiare lettere che “non s’ha da fare”.
Ma ormai si fa.

imageimage

Sabato 9. Il giorno dopo ci alziamo con tutto pronto e un nuovo ottimismo che, pare immotivato, ma c’è!
Il sole avvolge tutto con una luce morbida e l’aria è piacevolmente fresca.
Pietruncoli sta meglio.
Io Inizio la giornata aggredendola, memore del giorno precedente. Dobbiamo fare in fretta e portare tutto ciò che occorre alla sala dove si terrà la festa post Battesimo!
Ma una volta arrivati alla location troviamo i proprietari e le fantastiche ragazze dell’allestimento che sistemano e si danno da fare. In modo tranquillo però.
E qui capisco che è tutto sotto controllo!
E c’è la svolta vera.
Il problema torta è risolto grazie ad un angelo delle dolcezze che lotterà per noi contro il tempo e tutto il resto procede in mani placide e sapienti.
Faccio un bel sospiro. Inizio ad assaporare la giornata!

Arrivano dunque le 15.00 e, tutti in tiro, eccoci in chiesa.
La cerimonia è bella grazie alla simpatia del giovane celebrante e il mio nanetto si dimostra bravissimo anche nel momento clou.

imageimage

 

Strappa un sorriso a tutti quanti, grazie a quella gambetta alla Hueather Parisi portata sopra la spalla del prete durante l’immersione al Fonte Battesimale!
Ma, scherzi a parte, che emozione guardarlo compiere il primo passo importante della sua vita e iniziare Il Viaggio, quello vero!
Viaggio che ci vedrà guide felici e discrete, in un percorso tortuoso e magnifico al tempo stesso, che alternerà zone paludose ad acque cristalline e viste mozzafiato.

 

Finito il Battesimo, ecco il momento dei festeggiamenti, arriviamo allo spazio destinato alla “merenda con cin“.
Non vi ho ancora detto che si tratta dell’ex nido di Biscela, Mitades. Tre luminose sale in cui trovano spazio il buffet, la palestrina dedicata ai numerosi piccoli ospiti e un angolo allattamento e nanna per i più piccoli.
E quando entro nella sala allestita per la merenda ho un tuffo al cuore: ecco il piccolo sogno!

image
Un trionfo di biscotti personalizzati, mini cupcakes e cacke-pops. Una fontana di cioccolato circondata da frutta, fantastici succhi di mirtillo e violetta o di pompelmo rosa in barattolini di vetro e yogurt candidi guarniti da more e lamponi.

image

 

Il candy bar, l’angolo salato, le composizioni di marshmallows sui tavolini… Tutto è più che perfetto!

image
E al centro trionfa lei: la bellissima (e buonissima) torta!!

image

Gli ospiti gradiscono e stanno bene, si vede.
I bambini giocano nella sala a loro dedicata come se non ci fosse un domani e ne escono distrutti – e fradici – ma felici come pochi.
Pietruncoli sorride, sempre!

E noi siamo al settimo cielo!
Ogni fatica è stata ripagata da una giornata che ricorderemo per sempre! Un pomeriggio delizioso per festeggiare il nostro piccolo uragano dal cuor contento!

image

Perciò perdonatemi, ma devo fare dei ringraziamenti. Mi scappano dal cuore e non posso fermarli!

Per la splendida riuscita ringrazio le meravigliose mani che ci hanno aiutati a dar vita al primo party di Pietruncoli con tanto entusiasmo e amore. Mani di cui vi scriverò nei miei post-it perché possiate conoscerle meglio, ma che intanto è un piacere presentarvi:
Two Mum Yum – dolci e allestimenti
MuffinWorld – torta
Fata Sabina – composizioni e bomboniere

Per il ricordo indelebile ringrazio il cuore e l’amore di padrino e madrine, del fratellone e dei nonni e di tutti i parenti e gli amici che hanno voluto condividere con noi questo giorno speciale.

Infine chiudo con il più bell’augurio al nostro piccolo Pietruncoli, le meravigliose parole a lui dedicate da una madrina. Parole che vorrei fossero il principio e la base di tutto…

Caro Pietro,
quello che ti voglio augurare è di non smettere mai di guardare la vita con lo stesso amore che sentono la tua mamma e il tuo papà quando guardano te.
La vita è un viaggio fatto di avventure, incontri, emozioni e scoperte.
Sarà bello poterti affiancare durante questo cammino.
La mia valigia sarà sempre pronta per partire e vivere insieme una nuova scoperta o una nuova avventura.
Non smettere mai di sognare, di volare con la fantasia e soprattutto non smettere mai di essere curioso.
Buon viaggio piccolo Pietro!

image

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *