Un cin per te, che sei il mio Zing!

Ne è passato di tempo da allora.
Da quando ero una persona inconsapevolmente a metà.
Anzi no, da quando ero solo un quarto di qualcosa che ancora non conoscevo.
Quel qualcosa che oggi è la mia vita.

Ne è passato di tempo! E non tornerei indietro, nemmeno per un secondo.

In molti ripensano agli anni del Liceo o dell’Università con vena nostalgica, io no.
Noi no!
Ce lo diciamo sempre io e te, sentendoci diversi dal resto del mondo. Sentendoci fortunati.
E certamente non perché siano stati momenti brutti, tutt’altro.
Semplicemente non eravamo ancora Noi e al nostro mondo mancava lo Zing… e tu sai di cosa parlo!

Sicuramente io sono fortunata.
Ho al mio fianco un uomo, un compagno, un marito, un amico, un padre. Tutto questo in un unico corpo, in un solo cuore, in una dolcissima anima.
Mi tiene per mano colui che al tempo stesso sa essere per me roccia – in quanto certezza e forza inesauribile – e tallone d’Achille – in virtù di unica vera debolezza, per via di quelle farfalle nello stomaco che ancora arrivano con uno sguardo.
Dopo più di dodici anni insieme.
E scusa se è poco!

Andrea e Marti

Questo Amore ha preso poi due forme bellissime: ha gli occhi vellutati e neri di Biscela, ha il sorriso sornione e carico di fascino – nonostante i soli quattro denti! – di Pietruncoli.
È morbido, è furbo, è intelligente.

Ha le sembianze di due ometti che crescono alla velocità della luce e si trasformano ogni giorno, lasciandoti in bocca il gusto agrodolce della nostalgia per ciò che è già passato e caricandoti d’entusiasmo e curiosità per quello che ancora deve venire.
Proprio come Lui.
Già, perché il nostro è un Amore che si rinnova, si (e ti!) rigenera.
È un punto fermo che sa evolversi.
È una casa bella, calda, dal profumo di caffè che ti pervade le narici la mattina e ti riempie il cuore di serena passione per la vita. La tua.

È sangue che pompa nelle vene e ossigeno puro che riempie i polmoni.
E me ne accorgo nei momenti semplici, quando in un attimo ti ritrovi consapevole della vita e ti emozioni, per un sorriso o poco più.

Andare e Pietro

Oggi è il tuo compleanno (sono 28, giusto?), e io ti voglio ringraziare.
Per non esserti arreso e avermi corteggiata tre lunghi mesi, per i tramonti gustati insieme e i bagni in mare, per le cene cucinate a quattro mani e per i film divorati sul divano insieme ai pop-corn.
Per essere rimasto con me in sala parto, due volte. Per ogni volta che guardi i nostri figli con gli occhi velati di lacrime e per ogni decisione sudata insieme.
Per tutta la strada. Quella che abbiamo percorso e quella che ci attende, che sia essa tortuosa e polverosa o liscia e costeggiata di profumi e colori. Tanto alla fine il panorama è e sarà sempre uno spettacolo di cui godere insieme, lo so!
Per avermi insegnato cos’è l’Amore, quello vero.

Family 1

Buon compleanno!
A te, che sei il mio Zing

5 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *