Una candelina. Soffia forte, ti aiutiamo noi!

Buon compleanno piccolo Pietruncoli! Un anno!
Il primo, grande traguardo temporale.

È scivolato via, veloce e lento nel medesimo tempo. Tanto veloce e tanto lento che è strano pensarci.
Un battito di ciglia nel fruscio del quale ti sei trasformato da minuscolo esserino in Pietruncoli. Un lungo anno in cui si sono assestate placche importanti del nostro pezzo di mondo, in cui abbiamo imparato ad essere noi quattro. Forse.

A noi è bastato un istante di te, per essere totalmente incatenati al cuore grande di un piccolo bambino.
A te è bastato il primo calore per sentirti a casa.

La verità però è che non è stato poi tanto semplice, trovare l’equilibrio intendo: ci sono stati nodi da sciogliere perché il tuo fratellone si è trovato ad abdicare alla condizione privilegiata di figlio momentaneamente unico.
Sì: momentaneamente, perché in effetti io e papà lo abbiamo sempre saputo che avremmo provato ad averti con noi. Ma lui non ne era certo al corrente, eh?!
E, credimi piccolo mio, per quel grandone di Biscela non è facile dover condividere il tempo, i giocattoli, noi !
E a volte non è facile nemmeno per me e papà sai? Le ore di sonno più che dimezzate, la fatica nel cercare di esserci sempre nel modo giusto per entrambi…
La verità – forse – è che non è ancora semplice. Forse non lo sarà mai. Ma non importa.

Perché non c’è solo un lato della medaglia, sempre.
E quindi so che le nostre fatiche in realtà rendono il nostro mondo un posto migliore. Tu rendi il nostro microcosmo più felice!
Non che se tu decidessi di dormire tutta la notte non apprezzeremmo, sia chiaro!
Ma con te finalmente ci sentiamo completi. Sei il nostro meraviglioso uragano dal cuor contento, ci fai innamorare ogni sorriso di più.
E anche tuo fratello nel suo profondo lo sa: hai reso ogni colore più brillante, forse finge di non farci caso… ma quando non ci sei ti cerca forte.
Dovresti vederlo!

In fondo sei arrivato da noi il giorno degli angeli custodi! Un caso? Io non credo!

Questo piccolo bilancio del nostro primo anno mi fa pensare al tempo in cui ancora tentavo di immaginare i lineamenti di colui che riempiva di calcetti adorabili il mio pancione, ai giorni in cui non mi rendevo ancora conto di quanto in realtà la nostra famiglia fosse ancora monca.
Era monca di sorrisi, di manine che applaudono felici, di passi incerti che si aggirano per casa.
Nella vita di noi tre mancavi tu, il fantastico quarto!
E ora siamo noi quattro.
E non c’è nulla che possa rendere il nostro cammino più avventuroso e spettacolare. Ovviamente sarà a tratti tortuoso, a tratti liscio come il circuito di Monza.
Arriveranno anche i momenti in cui qualcuno di noi avrà la sensazione di non farcela, in cui rischierà di farsi sopraffare dalle fatiche.
Ma sarà allora che gli altri tre si faranno più vicini. E allora si troveranno le riserve per arrivare in cima e godere di una vista mozzafiato. Non chiedermi come. Lo so e basta!

Pietro

Perciò perdonaci piccolo Pietruncoli se non siamo sempre stati perfetti in questo primo giro di calendario, e forse non lo saremo nemmeno per il prossimo. Ma siamo noi, con tutto l’amore che abbiamo. E questo, comunque, dovrebbe contare più di tutto. Per il resto impareremo insieme!

Ora ecco la tua prima candelina, esprimi un desiderio e soffia forte. Ti aiutiamo noi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *